Archivio della categoria: Auto e Pop Culture

Automobile.it: l’app per chi cerca un’auto nuova o usata

App di automobile.it

App di automobile.it

Con automobile.it cambia l’esperienza di acquisto di un’auto da iPhone e iPad

Orientarsi nel rutilante mondo dei motori non è semplice e tutti, prima o poi nella vita, ci siamo trovati a cercare un’auto nuova o usata da acquistare o semplicemente a consigliarla a qualcuno. Sono già presenti sul mercato app di marketplace verticali, altre che fanno comparazione di prezzi, altre che aggregano annunci di settore e quant’altro, ma spesso l’esperienza dell’utente finale è quella di essere subissato di informazioni, senza riuscire a farsi un’idea chiara di quale auto sia la migliore e dove convenga comprarla.

Con la sua nuova app per iPhone e iPad, automobile.it fa un sorpasso: informa, accompagna e indirizza la strada dei compratori verso il modello e il rivenditore in linea con le proprie aspettative e lo fa con funzionalità tradizionali associate ad altre innovative.

Cominciamo ad osservare quello che mancava e che con automobile.it adesso c’è. Innazitutto è possibile comporre una comoda checklist di tutto quello che va verificato prima di acquistare un’auto usata, con la possibilità di aggiungere note personalizzate. Le foto dei veicoli sono tutte in alta definizione per essere ingrandite a piacimento e osservare ogni minimo dettaglio. Per qualsiasi problema sarà possibile contattare direttamente il servizio di supporto dell’app via chat. Un vezzo per soli intenditori: agitando il device i parametri di ricerca verranno resettati.

Queste le principali caratteristiche della nuova applicazione, nata dal concentrato di esperienza del portale www.automobile.it:
• Opzioni di ricerca impostabili per i parametri più svariati, incluso il colore.
• Dati, foto e caratteristiche del veicolo in un’unica e comoda schermata riassuntiva.
• Possibilità di “parcheggiare” un veicolo ritenuto interessante e poterlo richiamare in qualunque momento, anche dal concessionario.
• Possibilità di salvare le ricerche con il numero di risultati corrispondenti che si aggiorna in automatico ad ogni riavvio dell’app.
• Sincronizzazione di tutte le ricerche salvate e i veicoli parcheggiati con gli altri dispositivi ed il sito web (omnichannel).
• Geolocalizzazione del veicolo con le indicazioni per raggiungere il venditore.
• Visualizzazione di tutti gli annunci di un concessionario in un’unica pagina.
• Foto visualizzabili in modalità anteprima, galleria e a schermo intero.
• Contatto diretto con il venditore.
Se fino ad oggi trovare l’auto dei sogni in modo comodo e veloce era un miraggio, ora è possibile grazie alla nuova app di automobile.it.

Pinterest

Estate tempo di Spider

Spider Alfa Giulietta 1300

Spider Alfa Giulietta 1300

Si avvicina la stagione estiva e online cresce la voglia di spider e cabriolet per quanti sognano di guidare con il vento tra i capelli.

Arriva l’estate e cresce la voglia di cabriolet! A primavera ormai inoltrata e con l’avvio dell’estate a poco più di un mese, uno degli status symbol per eccellenza, la spider, torna a diventare protagonista online.

A rilevarlo, Kijiji.it, che all’interno della categoria “Motori” che conta oltre 135.000 annunci per lo più di privati, ha registrato una crescita dell’8% negli ultimi 6 mesi di annunci relativi a 4 ruote decappottabili.

Vetture dal fascino immortale, celebrate da film cult (basti pensare a Dustin Hoffman ne “Il Laureato” o Vittorio Gassman protagonista de “Il Sorpasso” per citarne alcuni degli esempi più conosciuti) e amata da attori e celebrities, diventa protagonista online, in modo particolare in versione “d’epoca”.
Modelli spesso ormai unici ed introvabili rivivono online diventando occasioni da non lasciarsi scappare per gli amanti e appassionati del genere.
Kijiji.it ha realizzato una selezione delle 10 auto d’epoca cabrio imperdibili. Corriere Style le ha riprese con una bellissima gallery. Eccole:

1) Alfa Romeo Duetto anno 1988 – 10.700 euro
“Duetto 1600 anno 88 iscritto ASI colore rosso, interno nero ,modello Pininfarina, tutto originale ,interni come nuovi, capotte perfetta, cerchi in lega, antifurto stereo 4 con casse marchiate alfa romeo, telo coprimacchina.. […]”
http://www.kijiji.it/annunci/auto/bari-annunci-bari/duetto-spider-alfa-romeo-1600-anno-88/64583120

2) Fiat 124 Spider anno 1978 – 19.000 euro
“97000 km originali, tenuta solo in garage, modello 1800 a carburatori, anno 1976, iscritta ASI, perfetta in tutto, restaurata negli interni e di carrozzeria con professionalità qualche anno fa. Nel corso del 2014 e stata revisionata la meccanica, istallata una cappotta nuova in tessuto, revisionati i cerchi e istallate gomme nuove ed una nuova batteria. Qualsiasi prova, l auto non presenta nessun difetto, constatabile sul posto. Largo book fotografico disponibile su richiesta. Prezzo rapportato alle condizioni del mezzo”.
http://www.kijiji.it/annunci/auto/chieti-annunci-san-giovanni-teatino/fiat-124-spider-1800-a-carburatori-asi/80171639

3) Alfa Romeo Giulietta Spider anno 1960 – 65.000 euro
“Auto completamente restaurata con professionalità , da vedere .. perfetta, tutto è stato rimesso a nuovo, qualche anno fa , omologata ASI targa oro”.
http://www.kijiji.it/annunci/auto/bergamo-annunci-brembate/alfa-romeo-spider-giulietta-1300/73820244

4) Fiat Dino Spider anno 1968 – 130.000 euro
“Auto veramente bellissima, assolutamente da vedere. Conservata come da nuova, mai subito alcun tipo di restauro, perfetta sia di carrozzeria che di meccanica, interni come nuovi e tutto assolutamente originale. Capote originale assolutamente perfetta. Pochi chilometri percorsi. Documenti e targhe dell’epoca. Autoradio dell’epoca marca Becker 1968. 4 pneumatici nuovi. Omologata ASI ORO massimo livello di punteggio riconosciuto. Tutto certificabile e documentabile. Ovviamente disponibile a qualsiasi verifica in loco. Auto Italiana dalla nascita, è una delle 1163 prodotte dalla Fiat. Essendo l’auto assolutamente perfetta, non necessita di alcun intervento. Vista l’importanza dell’auto si pregano di astenersi sognatori. Preferito contatto telefonico”.
http://www.kijiji.it/annunci/auto/perugia-annunci-foligno/fiat-dino-spider-2000/72467265

5) Triumph Spartan 1966 – 20.000 euro
“Bellissima auto d’epoca 1966 Triumph Spartan Cabrio 1600 iscritta Asi. Rosso rubino velocissima e divertente. Carrozzeria motore gomme interni perfetti. Fatti tutti controlli officina freni olio filtri batteria ok. Documenti regolari pronta per l’uso. Tonneau cover e cappotina. Usata solo per raduni. Motore Ford brillantissimo. Evitare curiosi perditempo e offerte scoraggianti. Permuta solo Porsche d’epoca con minima differenza”.
http://www.kijiji.it/annunci/auto/brescia-annunci-brescia/triumph-spartan-1600-cabrio-1966/70751454

6) Porsche 924 anno 1977 – Euro 8.800
“AUTO STORICA. parabrezza nuovo, cappotta nuova, interni nuovi, motore sostituita cinghia, filtri, candele, cavi, pompa benzina ecc.. Auto unica in Italia, colore nero opaco, cabrio da libretto. IMMATRICOLATA ITALIANA, TARGHE ITALIANE. pratiche per richiesta certificato rilevanza storica avviate”
http://www.kijiji.it/annunci/auto/taranto-annunci-grottaglie/porsche-924-del-77-cabrio/69932589

7) Porsche 911 anno 1983 – Euro 38.900
“911Porsche 3000sc Cabriolet anno 1983 auto perfetta in tutto interni originali book service mai incidentata aria condizionata cerchi fuchs no ruggine interni pelle perfetti Auto per uso giornaliero !. auto rarità la prima porsche cabrio 911 prodotta solo per 6 mesi in 2500 esemplari. auto per intenditori e collezionisti”.
http://www.kijiji.it/annunci/auto/bergamo-annunci-bergamo/911-porsche-3000sc-cabriolet-book-service/79407773

8) Karmann Ghia Cabrio 1600 – Euro 24.000
“La Karmann-Ghia Cabrio è un’autovettura venduta col marchio Volkswagen tra il 1957 ed il 1974 e assemblata dalla carrozzeria Karmann. La versione proposta è l’ultima evoluzione che apporta come modifiche introdotte dall’agosto 1972 : nuovi e più massicci paraurti con inserto in gomma, fanalini posteriori ingranditi, nuova plancia in PVC nero”.
http://www.kijiji.it/annunci/auto/brescia-annunci-roncadelle/volkswagen-karman-ghia-1600/71242812

9) Wolkswagen Maggiolino Cabro anno 1971 – Euro 12.000
“Modello = Maggiolino Cabrio, Wolkswagen Cilindrata = 1300 Cilindri = 1300 Chilometraggio = 71000 Anno = 1971 Tipo di carburante = benzina Numero Porte = 2 Totale Posti a sedere = 4 Allestimento interno = sky originale Colore allestimento interno = grigio Colore vettura = nero con capotta bianca Tipo di cambio = manuale Numero Marce = 5 Autoradio = si Chiusura = manuale Servosterzo = no Vetri a chiusura = manuale PREZZO TRATTABILE”
http://www.kijiji.it/annunci/auto/rimini-annunci-rimini/maggiolino-cabriolet-d-epoca/76648428

10) Rover MG Morris Cabrio anno 1976 – 7.500 euro
“VENDESI Stupenda automobile d’epoca, carrozzeria in buone condizioni, Rover MG MGB Morris CABRIO del ’76, colore Rosso Bordeaux, km. 71600, cilinbrata 1800, potenza 67 Kw”.
http://www.kijiji.it/annunci/auto/fermo-annunci-petritoli/rover-mg-mgb-morris-cabrio/37077145

Buon viaggio!

Pinterest

Street food e italiani: è amore

street food

Un food truck per la vendita itinerante di cibo da strada.

Street food, scopri il trend su Kijiji.it

Street food e italiani, una storia di successo. Secondo gli ultimi rilevamenti sono oltre 3 mila gli operatori attivi in questo settore nel nostro Paese. Dal 2005 ad oggi in realtà ci sarebbe stato un calo dell’8% dei cosiddetti ambulanti, mentre sul fronte degli itineranti (cioè dotati di furgoni a norma) si parla di una crescita (+18% nello stesso periodo fonte AdnKronos).

Nell’anno dell’Expo l’attenzione sul buon cibo e sulla sua accessibilità è ai massimi storici. E allora perché non intercettare questo trend diventando consumatori abituali o addirittura costruendoci un percorso professionale alternativo?

Sono in crescita su Kijiji.it gli annunci di veicoli adatti alla somministrazione di street food, come ad esempio la famosa Ape Car o addirittura dei Food truck, con allestimenti che non hanno nulla da invidiare a veri e propri ristoranti su ruote. Chi non ha mai sognato di mollare tutto e aprire il famoso baretto sulla spiaggia ai Caraibi? Grazie alle offerte presenti su Kijiji.it e ad un pizzico di intraprendenza la strada potrebbe essere più breve del previsto. Buona fortuna e appetito a tutti.

 

 

Pinterest

Giovani neopatentati: berlina, diesel e Fiat al top

L’indagine del portale automobile.it e GfK Eurisko scopre quali sono le preferenze e le abitudini dei ragazzi di oggi in fatto di automobili. Berlina con portellone e cambio manuale vince su tutte, tendono a risparmiare con motori diesel, ma amano la comodità delle 5 porte. Hanno la Fiat nel cuore, ma amano anche le tedesche della Volkswagen e dell’Audi.

 

Che rapporto hanno i ragazzi con le auto? Lo svela un’indagine promossa da automobile.it (www.automobile.it), portale di compravendita online di veicoli, e condotta dall’Istituto di Ricerca GfK Eurisko su un campione di 250 possessori di auto dai 18 ai 30 anni. Dopo aver indagato sugli aspetti che tengono maggiormente in considerazione, abbiamo chiesto ai giovani new drivers che possiedono un’auto di dirci quali sono le loro esigenze e preferenze nel momento in cui devono comprare una nuova auto, quali caratteristiche devono avere e qual è la marca che prediligono.

 

Per i giovani italiani in pole position c’è la berlina con il portellone (42%), al secondo posto la citycar e l’utilitaria (22%) e al terzo la categoria suv/crossover/fuoristrada (13%).

 

Se prima la berlina era considerata una macchina classica ed elegante, nel tempo ha trovato una strategia evolutiva che fa perno sulla funzionalità, è diventata una “due volumi e mezzo” con la forma da berlina e il portellone da station wagon, puntando ad offrire praticità e limitando le ripercussioni su costi, peso, aerodinamica e consumi. Quindi l’intramontabile berlina non è più solo la macchina di papà, ma anche quella che i giovani amano di più. Lo ha dichiarato ben il 42% degli intervistati.

 

Ma anche la funzionalità e la comodità sono di massima importanza per i giovani che si apprestano a comprare un’auto. Che sia nuova o usata non importa, le piccole dimensioni di citycar e utilitarie, i prezzi competitivi e le basse emissioni le rendono il secondo mezzo favorito dai ragazzi (22%) per spostarsi comodamente e trovare velocemente parcheggio. Infatti soprattutto per i neopatentati è di certo la tipologia di auto più maneggevole e meno impegnativa per fare un po’ di pratica. Anche le giovani donne prediligono le macchine più piccole, indispensabili per potersi muovere fra le superaffollate e molto trafficate vie cittadine e sicuramente più a loro misura (33%).

 

Spazio anche a suv, crossover e fuoristrada. Il 13% dei giovani intervistati subisce il fascino di questa tipologia di veicolo che ha rivoluzionato completamente il mercato automotive degli ultimi anni. Voglia di avventura e di conseguenza anche necessità di possedere un’auto versatile con la quale affrontare anche condizioni inusuali come percorsi innevati e strade sterrate sono i tratti distintivi del giovane uomo  italiano.

 

Per quanto riguarda le caratteristiche dell’auto abbiamo preso in considerazione le più rilevanti: numero di porte, tipologia di motore e tipologia di trasmissione. Il 61% è per l’indiscutibile comodità delle 5 porte. Il 42 % è per risparmiare un po’ sul consumo di carburante optando per il motore diesel e l’82% è per il buon vecchio cambio manuale.

 

Ma parliamo anche di marche. Le case automobilistiche verso le quali i giovani tendono ad orientarsi maggiormente sono: Fiat (30%), Volkswagen (21%) e Audi (19%). Tengono bene anche Toyota (17%), BMW (13%) e Ford (12%).

 

Sul portale automobile.it (www.automobile.it) è possibile affinare la ricerca con le caratteristiche dell’auto che si vuole comprare, dalla data di immatricolazione, al chilometraggio, dai consumi ai comfort. Su Kijiji.it (www.kijiji.it), portale orizzontale appartenente al gruppo su cui compaiono anche gli annunci pubblicati su Automobile, è invece disponibile un utile strumento di comparazione dei prezzi (http://www.kijiji.it/speciali/prezzi/). Vastissime sono le offerte per berline, citycar, suv e crossover. Insomma ragazzi, il momento di sognare una nuova auto è finito, sul portale automobile.it i vostri sogni si possono realizzare.

Pinterest

Piaggio Story: Un viaggio nel motociclo made in Italy

La storia della Piaggio è un pezzetto – neanche tanto piccolo – della storia di questo paese, della sua migliore industria, del costume e delle abitudini di milioni di italiani.

Non c’è solo la Vespa, che pure appartiene già a pieno titolo alla leggenda: c’è anche il Ciao, ci sono i tanti marchi del gruppo (Gilera, Aprilia, Moto Guzzi, Derbi – possono bastare?), e tanti decenni all’avanguardia nei settori della metalmeccanica e dell’aeronautica, prima della definitiva conversione al motociclo.

 

Il Museo Piaggio di Pontedera

2012_4866_152335

 

La Piaggio viene fondata nel 1884 a Sestri Ponente (Genova) dal ventenne Rinaldo Piaggio; inizialmente l’azienda si occupa di arredi navali, ma presto, grazie anche al successo ottenuto in questo campo, si cimenta anche nelle costruzioni ferroviarie. Il successo massimo arriva in coincidenza con la Prima guerra mondiale, periodo in cui la Piaggio allargò la sua produzione anche all’aeronautica.

 

Rinaldo Piaggio

 220px-Rinaldo_piaggio

 

Nel 1917 la Piaggio rileva un’azienda aeronautica di Pisa, trasferendosi in Toscana (a Pontedera, per la precisione), e dopo pochi anni acquista l’intero stabilimento aeronautico Bonmartini di Roma: in questo periodo la Piaggio diversifica molto la sua produzione, che include anche teleferiche, funicolari, autocarri e filobus

La prima svolta per l’azienda avviene nel 1934,quando entrano in società la moglie, i figli e i generi di Rinaldo Piaggio, e poi  nel 1938, quando muore Rinaldo Piaggio e la società viene divisa tra isuoi due figli Enrico e Armando.

 

Un bombardiere Piaggio, usato nella Seconda guerra mondiale dall’aviazione italiana

 

 

 

 

Piaggio P-108

 

 

Dopo le distruzioni della Seconda guerra mondiale, l’azienda guidata da Enrico decide di dedicarsi ai trasporti urbani. Nasce il primo prototipo di scooter, dapprima chiamato Paperino, poi ribatezzato con un’intuizione felice Vespa. È il 1946, la leggenda della Piaggio ha inzio. Da allora in poi a Pontedera viene chiusa la sezione aeronautica (o meglio, viene scorporata: è la Piaggio Aero Industries, diventata indipendente) e si iniziano a progettare e costruire scooter.

 

Una Vespa del 1946

Vespa V98-2 (1946) 03

 

L’anno dopo, nel 1947, viene creato l’Ape, un furgone a tre ruote ispirato al pensiero della Vespa. Per due decenni la Piaggio cresce esponenzialmente e soprattutto fa la storia del costume e del made in Italy, grazie soprattutto al successo della Vespa.
Nel 1965 muore Enrico Piaggio; avviene così uno storico passaggio di proprietà, con la Piaggio che finisce in mano agli Agnelli. Il successo della Piaggio però non cessa: tra gli anni ’60 e ’70 nascono modelli di successo come il Ciao, il Bravo o il Si. Inoltre in questi anni, forti degli ingenti capitali degli Agnelli, la Piaggio incorpora altre aziende storiche del motociclo italiano, come Gilera e Moto Bianchi.

 

Una pubblicità della Vespa degli anni ’80

 

Visual-articolo-Mele-001

La Piaggio si avvicina al nuovo millennio con la produzione di tanti altri modelli, tutti più o meno di successo: Hexagon, X8, X9, Nexus e Beverly. Nel 1993 Giovanni Alberto Agnelli (figlio di Umberto e di Antonella Bechi Piaggio) assume la presidenza del gruppo: morirà tragicamente nel 1997, a soli 33 anni, per una rarissima forma di cancro all’intestino.

 

Il Piaggio MP3, il primo scooter a tre ruote, lanciato nel 2006

 

Piaggio-MP3-LT-474x316-0f033a4c3e1680c4

 

Nel 2003 la l’azienda viene acquisita dall’industriale Roberto Colaninno: appena un anno dopo, alcuni marchi prestigiosi come Aprilia e Guzzi vengono acquistati dal gruppo, che detiene ormai una fetta considerevole del mercato motociclistico italiano.
Piaggio è ormai un sinonimo di made in Italy, di scooter, il cui successo è legato soprattutto (ma non solo) alla mitica Vespa: un pezzo di storia del nostro paese, di ciò che siamo.

Pinterest

Rombi a stelle e strisce: le 20 migliori auto americane anni 50

Le auto americane hanno saputo ritagliarsi uno spazio e un’influenza senza eguali nel mondo dei motori. Cosa piuttosto unica, le auto americane prodotte nel corso degli anni non si ricordano solo per le linee accattivanti o per le grandi prestazioni, ma anche per avere incarnato il mito e la leggenda degli Stati Uniti d’America, in particolare nel periodo del boom anni 50.

In quei tempi l’America era un modello di prosperità e ricchezza in tutto il mondo, vera e propria mèta da sogno in cui sembrava fosse possibile realizzare ogni desiderio.

E le auto americane anni 50 erano parte integrante di questo sogno. Maestose e dalle linee spavalde e grintose, con motori ruggenti e dimensioni imponenti, sembravano fatte apposta per solcare le praterie e i deserti americani, o per sfrecciare per le vie di New York o Los Angeles.

Oltre ai marchi più noti come Ford, Chrysler, o Chevrolet, popolarissimi anche in Italia, ce n’erano altri che da noi non arrivarono mai, e che ben presto scomparvero nel nulla, ma non per questo meno affascinanti. Ecco una lista di quelle che secondo noi sono le 20 migliori auto americane anni 50, tutti modelli sontuosi che a distanza di 60 anni riescono ancora a lasciare a bocca aperta.

20) Buick Special

 

800px-1953_Buick_Special-2

 

Lungo tutti gli anni ’50, la storica casa Buick (di Flint, Michigan, ora facente parte del gruppo General Motors) ha immesso sul mercato vari modelli di Special, dalle coupé alle berline fino alle grandi station wagon. Quella della foto è una splendida Buick Special Riviera del 1953, il cui punto forte era il nuovissimo motore Nailhead a 8 cilindri.

 

19) Chevrolet Bel Air

http://www.autogaleria.hu -

Originariamente un’elaborazione della deluxe, la Bel Air divenne un modello a sé stante nel 1953. Il suo design rivoluzionò completamente il gusto dell’epoca e il modo di disegnare le auto: i tratti distintivi erano le vistose cromature in ogni angolo della macchina. Dato il grande successo, ne furono costruite serie diverse nel 1955, 1958 e 1959, che portarono qualche modifica nel look e nella meccanica (soprattutto la quarta serie), lasciando però inalterato lo status leggendario di questa auto.

 

18) Ford Del Rio

800px-1957_Ford_Del_Rio

 

Questo magnifico gigante della strada (poteva ospitare sei passeggeri) fu il modello di station wagon su cui decise di puntare la Ford sul finire degli anni ’50, anche in risposta al successo che stava riscuotendo la Chevrolet con la sua station wagon Nomad. Noi in questa lista abbiamo preferito la Del Rio alla Nomad, cosa che fecero anche gli americani (le vendite superarono di molto quelle della Chevy); non bastò, comunque, per convincere del tutto la Ford che cessò di produrla dopo appena due anni: i gusti della gente stavano per cambiare di nuovo, con l’avvento del nuovo decennio.

 

17) Chrysler 300C

1957-300C-rear2

Un grande classico targato Chrysler degli anni ’50, la 300C era dotata di un formidabile motore Hemi da oltre 6000cc, in uso nella maggior parte delle Chrysler degli anni a venire. Della serie 300 uscirono vari modelli lungo tutto il decennio: la più famosa rimane la 300c del 1957, venduta in 2.402 esemplari.

 

16) Pontiac Chieftain

 

800px-Pontiac_Chieftain_1952_2

 

Prodotta dal 1949 al 1958 in tre diverse edizioni, la Chieftain fu la prima, grande macchina prodotta interamente dalla Pontiac dopo la Seconda guerra mondiale (prima di questa erano infatti usciti modelli che erano rielaborazioni di vecchie Pontiac). Come molte grandi auto dell’epoca, uscì in versione coupé, berlina, decappottabile e station wagon. Non così famosa come altre auto di questa lista, la Chieftain è comunque molto apprezzata dai cultori del genere e da collezionisti.

 

15) Hudson Hornet

1024px-1952_Hudson_Hornet_Club_Coupe

Secondo molti americani dell’epoca, questa vettura superava la più famosa Cadillac in bellezza e come qualità di guida non aveva rivali. Una piccola curiosità: il personaggio di Doc Hudson, nel film della Pixar Cars, è ispirato nell’aspetto e nel nome a una vecchia Hudson Hornet.

 

14) Buick Century

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

La storia della Century, una delle linee di maggiore successo della Buick, affonda le sue radici nel lontano 1936. Una seconda generazione di queste auto fu messa in produzione tra il 1954 e il 1958; l’idea era quella di costruire una vettura affine ma più piccola delle Buick Special (vedi sopra). Nel 1956 una di queste macchine, modello base, costava 2.963 dollari; anche la polizia stradale della California decise di dotarsi di queste macchine, in un’esclusiva edizione berlina a due porte.

 

13) Rambler Rebel

800px-1957_Rambler_Rebel_hardtop_rfd-Cecil'10

 

Gran macchina, la Rebel: prodotta in due tranches, tra il 1957 e il 1960 e tra il 1966 e il 1967, era una delle auto più di successo nel segmento delle muscle cars (auto sportive ad alte prestazioni). Fu tra le primissime macchine in assoluto ad avere un sistema di iniezione elettronica.

 

12) Ford Fairlane

1958_Ford_Fairlane_500_Skyliner

 

Il 1957 fu un anno cruciale in casa Ford: tra le tante novità di quell’annata, spiccava sicuramente l’introduzione di questo nuovo modello, che prendeva il nome dalla villa di Fair Lane, dove viveva Henry Ford. Venne realizzata anche una variante, la Fairlane 500 Skyliner, la prima a introdurre un sistema di tetto a scomparsa automatizzato. Tale sistema era però rudimentale e occupava troppo spazio: necessitava di tre motorini e di ben 185 metri totali di cavo, sicché fu presto accantonato.

 

11) Cadillac Serie 70

Cadillac_Limousine_1950

 

Nel 1950 la Cadillac presentò un modello completamente rinnovato della vecchie Serie 70, giunta ormai alla quarta generazione: questa era la prima realizzata nel dopoguerra, e poteva ospitare fino a sette passeggere grazie ai sedili a scomparsa (strapuntini – ma solo nella versione limo). La Serie 70 fu un grande successo Cadillac che aprì di fatto gli ani ’50, un periodo di cui questa macchina fu protagonista anche con le tre generazioni di Serie 70 successive.

10)   Dodge Coronet

dodge coronet

 

Al top della gamma tra le macchine Dodge fino alla metà degli anni 50 c’era la Dodge Coronet, modello di punta per il marchio americano anche successivamente e fino agli anni 70. Tra i suoi modelli più storici ricordiamo la seconda generazione del 1953, dal caratteristico motore “Red Ram” V8 e prima auto a montare lo stemma Dodge dell’ariete, e la Coronet Lancer del 1957 dalle inconfondibili “pinne” posteriori.

9) DeSoto Firedome

desoto firedome

 

Uno di quei marchi americani anni 50 che oggi possiamo solo rimpiangere è DeSoto, storica divisione della Chrysler che ha visto la chiusura nel 1961. Tra i suoi modelli più indimenticabili impossibile non citare la DeSoto Firedome, vettura di alta gamma con trazione posteriore, motore Hemi V8 anteriore, e disponibile come berlina, station-wagon, coupé e convertibile. La terza serie del 1957 poteva raggiungere una notevole velocità di 185 km/h.

8)  Nash-Healey

 

nash healey 1951

Pochi oggi conoscono questa vettura risalente ai primi anni 50, eppure la Nash-Healey è considerata la prima auto sportiva americana a due posti prodotta dopo la guerra. La compagnia che le diede i natali era la Nash-Kelvinator, che produceva automobili così come frigoriferi, e scomparve dalle scene già nel 1957. La Nash-Healey fece in tempo comunque a comparire in diversi film del periodo, e a subire un restyling da parte di Pinin Farina.

 

7)  Pontiac Bonneville

 

pontiac bonneville

 

Uno dei modelli più importanti di sempre per il marchio Pontiac è stata sicuramente la Bonneville, che fece la sua comparsa negli autosaloni nel 1957, e da allora è stata prodotta ininterrottamente fino al 2005. La Pontiac Bonneville segnò un punto di svolta rispetto ai modelli prodotti fino allora con quel marchio: era un’auto lussuosa e potente, di grandi dimensioni e con motore a iniezione da 300 CV di potenza. Da allora l’immagine della Pontiac ne uscì completamente cambiata.

6)    Chrysler New Yorker

 

chrysler new yorker

 

Come per altri marchi, anche per la Chrysler uno dei modelli più importanti della propria storia è rimasto indissolubilmente legato agli anni 50: stiamo parlando della Chrysler New Yorker, in produzione dal 1940 al 1996. Sono proprio i modelli lanciati negli anni 50 quelli che più di tutti sono rimasti nel cuore degli appassionati: da ricordare soprattutto il modello del 1951, il primo a introdurre il motore V8 “Hemi” da 180 CV, e quello del 1957 dal design “Forward Look” molto in voga all’epoca.

5)   Buick Roadmaster

 

buick roadmaster

 

Modello di punta della Buick dagli anni 30 a fine anni 50, la Roadmaster ha rappresentato il massimo della gamma a livello di qualità, prezzo e dimensioni per il marchio di casa General Motors. Disponibile principalmente come berlina hardtop o convertibile, la Buick Roadmaster già nei primi modelli raggiungeva una lunghezza di poco inferiore a quella di una limousine, ponendosi quindi come rivale di vetture di alta gamma come Cadillac e Lincoln.

 

4)   Continental Mark II

continental mark 2

Anche se a tutti gli effetti si tratta di un’auto assimilabile al marchio Lincoln, tecnicamente questo modello, oggi rarissimo, era firmato da Continental, una divisione della Ford dalla vita breve, che dopo pochi anni di vita fu assorbito proprio da Lincoln. La Continental Mark II voleva rappresentare il prodotto Ford più lussuoso sul mercato, con uno stile e un’impronta decisamente europea. Ne risultarono circa 3000 auto prodotte tra il 1956 e il 1957: un vero gioiello per i collezionisti.

 

3)    Cadillac Eldorado

cadillac eldorado 1957

 

Una tra le auto americane che più di tutte hanno incarnato il sogno americano, fatto di lusso sfrenato e macchine da sogno. La Cadillac Eldorado rappresentava un vero lusso per pochi, ma allo stesso tempo è rimasta impressa nella memoria collettiva come simbolo degli anni del rock’n’roll e di un periodo unico nella storia americana. Nei suoi 50 anni di vita, dal 1952 al 2002, la Eldorado non ha mai perso quell’attitudine da “ragazza cattiva”.

2)   Chevrolet Corvette

 

corvette c1

 

La mitica vettura di casa Chevrolet non è nuova sulle pagine di questo blog: questo perché insieme a pochi altri modelli si trova nell’Olimpo delle auto americane più leggendarie di sempre. Le sue origini risalgono agli anni 50, con la Chevrolet Corvette modello C1presentata al pubblico nel 1953. Da allora questa sport car a stelle e strisce dallo stile unico e dalle linee inconfondibili ha vissuto una lunga carriera di successi, arrivando oggi alla settima generazione.

1)    Ford Thunderbird

ford thunderbird

 

 

A contendersi il titolo di miglior auto americana anni 50 con la Corvette c’è la Ford Thunderbird, un altro modello che definire iconico è riduttivo. Quella tra gli americani e la Thunderbird è una vera storia d’amore: nessun’auto ha saputo rappresentare meglio i sogni e le aspirazioni di una generazione. Una vettura inconfondibile che ha dato origine alla categoria delle “personal luxury cars” e a tutto un filone di sportive coupé di alta classe.

Pinterest

Rarità a quattro ruote. Il meglio delle auto vintage di Novembre

Se c’è un posto dove chi vuole comprare un’auto usata dovrebbe rivolgersi, quello è Kijiji.

Il canale Auto del sito in questo momento conta più di 131.000 annunci di macchine e ce n’è davvero per tutti i gusti: ricambi e accessori rari, auto vintage, o pezzi unici per chi invece cerca prestazioni e tecnologie all’avanguardia.

Sono tantissime in questo momento, ad esempio, le auto d’epoca in vendita. Imperdibili rarità che hanno fatto la storia dell’auto e che rappresentano il coronamento del sogno per i veri appassionati.

Questo articolo raccoglie il meglio dell’usato d’epoca in vendita su Kijiji nell’ultima settimana – e anche se l’auto d’epoca dei vostri sogni non è nella lista, niente paura: basta un clic per trovarla.

 

1) ROLLS-ROYCE SILVER SHADOW

ROLLS-ROYCE SILVER SHADOW

 

Un classico intramontabile direttamente dal Regno Unito. Questa auto è davvero speciale: esterni color carta da zucchero, tetto in vinile blue, interni in pelle blu scura. È del 1975 ma è in perfette condizioni, dentro e fuori. E – cosa non scontata, data la provenienza – ha la guida a sinistra.

 

2) DARMONT V JUNIOR

 

DARMONT V JUNIOR

 


È difficile imbattersi un oggetto così raro e prezioso. La Darmont era una casa francese di auto a tre ruote, attiva tra le due guerre mondiali (le auto prodotte erano denominate Darmont-Morgan). L’unico modello a quattro ruote era la V Junior, in produzione a partire dal 1935 (nel 1939 la casa chiuderà). Pare che oggi ne esistano ancora solo 11 esemplari in tutto il mondo, e questa in vendita a Livorno è una di esse.

 

3) LOTUS SUPER SEVEN

lotus super 7

 

La Lotus Seven (e la sorella Super Seven, che differiva solo per il motore più potente) era una vera e propria auto sportiva, prodotta in circa 2.500 esemplari tra 1957 e 1973 (con qualche sporadica reissue nel decennio successivo). Ancora oggi è amatissima dagli appassionati delle auto veloci provenienti da Oltremanica; questo esemplare offre ancora la stessa ebbrezza di guida, grazie alla meccanica rigenerata, e ha persino la guida a sinistra.

 

4) FIAT 124 SPORT COUPÉ

fiat 124

 

Strana storia quella della Fiat 124: all’epoca ebbe un buon successo e divenne una delle vetture preferite dalla borghesia italiana a cavallo tra gli anni ’60 e ’70. Ne furono realizzate anche due versioni sportive: la Sport Spider, disegnata da Pininfarina, e la Sport Coupé (il modello in questione), a cura del Centro Stile Fiat di Mario Boano. Tuttavia non rimase nel cuore degli italiani a lungo, come invece la 126 o la 127, ed è relativamente dimenticata. La Sport Coupé, poi, è una vera rarità al giorno d’oggi. Un vero peccato.

 

5) MERCEDES 230

mercedes 230

 

Questa è una vera occasione: la 230 (precisamente, le W114 e W115 degli anni Settanta come questa) era una serie di Mercedes di vero lusso, che all’epoca si potevano permettere in pochi. E questa ha il pregio di essere conservata perfettamente (ha avuto solo 2 proprietari): guardate solo la splendida livrea color ocra.

 

6) SIMCA ARONDE

simca aronde

 

Difficile descrivere a parole il fascino di questa Simca Elysée, elegantissima auto francese del 1962, conseravato in splendide condizioni. Ha anche il riconoscimento d’identità massimo per le auto d’epoca, ovvero la targa d’oro ASI. Uno dei pezzi pregiati di Kijiji.

 

7) CADILLAC SERIE 62

cadillac

 

Poche vetture ci fanno viaggiare con la mente all’America degli anni ’50 come questa Cadillac coupé del 1949. Si tratta di una vettura storica: la Serie 62 sono tra i modelli più iconici della Cadillac, e sono stati prodotti in diverse versioni tra il 1940 e il 1964. È sicuramente una delle macchine del nostro american dream, qui finalmente a portata di mano.

 

8) LANCIA FULVIA “FANALONE”

lancia fulvia fanalone

 

Questa macchina combina il meglio del vintage italiano con la potenza del rally: è la Fulvia “Fanalone”, la Rallye 1.6 Hf. Motore da 1.584 cm³, cambio a cinque marce, assetto da corsa: la “Fanalone” permise alla Lancia di aggiudicarsi molti rally e persino il campionato del mondo di categoria nel 1972. La vettura in questione è stata guidata da alcuni grandi campioni del passato, tra cui lo svedese Harry Källström, il finlandese Simo Lampinen e l’italiano Sergio Barbasio.

Pinterest

Le migliori Alfa Romeo: un secolo di auto indimenticabili

Alfa-Romeo-Logo

 

Se c’è una cosa che noi italiani sappiamo fare bene, sono le auto sportive. La lista sarebbe lunghissima; e lassù nell’Olimpo, assieme a Ferrari e Maserati, un posto d’onore sicuramente spetta all’Alfa Romeo.

La casa del Biscione, fondata nel lontano 1910 a Milano, ha alle spalle un passato glorioso e un futuro ancora tutto da scrivere: Sergio Marchionne (la casa appartiene al gruppo Fiat dal 1986) ha parlato più volte di modelli nuovi in uscita per il 2015.

La gloria di questo marchio è legata anche alle competizioni sportive: la casa vinse nel 1925 il Campionato mondiale Costruttori (antenato della Formula 1) e nel 1950 e 1951 le prime due edizioni del Campionato mondiale di Formula 1, con i piloti Nino Farina e Juan Manuel Fangio.

Questa è la nostra personale top ten dei modelli Alfa Romeo. Una scelta davvero difficile: quella dell’Alfa è una storia lunga 104 anni, piena di successi e auto memorabili.

 

10) ALFASUD

Alfasud_orange

Prodotta ininterrottamente dal 1972 al 1984, l’Alfasud è una classica berlina (ne furono comunque realizzate versioni alternative, come la coupé Alfasud Sprint).

Detiene il primato di Alfa Romeo più venduta di sempre, con oltre un milione di esemplari prodotti (1.017.387 per la precisione). Il nome è dovuto al fatto che fu la prima vettura prodotta nello stabilimento Alfa Romeo di Pomigliano d’Arco, in Campania.

 

9) TIPO 33

800px-Alfa_Romeo_Tipo_33-2_Daytona-Coupe

La Tipo 33 è una splendida e potentissima auto da competizione (in produzione per dieci anni a partire dal 1967), vincitrice del Campionato mondiale Sportprototipi nel 1975 e nel 1977. Ne fu creata anche una rarissima versione omologata per la strada: era la 33 Stradale, di cui ne esistono solo 18 esemplari.

 

8) BRERA

800px-2005-03-04_Motorshow_Geneva_145

 

Ci sarebbe da fare un post solo per i capolavori automobilistici usciti dalla penna di Giugiaro. L’Alfa Brera vi farebbe parte sicuramente: commercializzata con successo tra il 2005 e il 2010, è una splendida coupé che rappresenta quanto di meglio è uscito dagli stabilimenti dell’Alfa Romeo nel nuovo millennio.

 

7) GIULIA

800px-Alfa_Romeo_Giulia_Super

Con la Giulia (e con l’antenata Giulietta) entriamo nella storia dell’auto (e del costume) di questo paese. Fu proposta in numerose varianti (berlina, coupé, spider) che la resero uno dei modelli di Alfa Romeo più venduti: si stima che tra gli anni Sessanta e Settanta ne sono circolati circa un milione di esemplari. L’Alfa Giulia era anche l’auto in dotazione a Polizia e Carabinieri, grazie alle sue elevate prestazioni; fu così che negli anni Settanta divenne un’ icona del cinema poliziottesco.

 

6) 8C COMPETIZIONE

Alfa_Romeo_8C_front

Un vero e proprio mostro di potenza: è la 8C Competizione, una vettura Gran Turismo prodotta tra il 2007 e il 2010 in soli 100 esemplari. Già, perché una macchina così è davvero per pochi: motore V8 con cilindrata di 4.691 cm³, velocità massima 292 km/h, da 0 a 100 km/h in 4,2 secondi.

 

5) ALFETTA

Alfetta1972WP

L’Alfetta è un altro simbolo di costume che ha attraversato l’Italia tra gli anni Settanta e Ottanta. Venne costruita nello stabilimento Alfa Romeo di Arese (Milano) in oltre 400.000 esemplari; era una berlina sportiva, piuttosto all’avanguardia per i tempi, che tuttavia segnò un periodo di crisi (non tanto di vendite quanto di identità) della casa milanese, prima dell’acquisizione da parte della Fiat.

 

4) MITO

1024px-Alfa_mito_2011_andrea

È la macchina più recente in questa top ten; il design, sportivo e armonioso, è il punto forte di questa vettura, che segna anche l’ingresso dell’Alfa Romeo nel mercato delle cosiddette vetture di segmento B (in altre parole le utilitarie). L’auto è diventata subito amata dal grande pubblico e dagli esperti: ha vinto infatti numerosi premi, tra cui quello di “Auto più bella del 2008” per il quotidiano La Repubblica e quello di “Auto europea del 2009” per l’Unione Italiana Giornalisti Dell’Automobile.

 

3)      GIULIETTA

giulietta

La Giulietta ormai appartiene alla leggenda dell’auto: fu la vettura che segnò il primo grande successo dell’Alfa Romeo su strada, aprendone di fatto l’era moderna. Venne presentata al Salone dell’Auto di Torino nel 1955: il successo fu immediato, tanto che ne furono prodotte fino al 1965 quasi 132.000 esemplari, un’enormità per l’epoca. La Giulietta ebbe anche l’onore di apparire sul numero 1 della storica rivista Quattroruote, nel 1956.

 

2) 147

147

L’Alfa 147 ha rappresentato il vero, grande successo commerciale della casa milanese nello scorso decennio. Prodotta a Pomigliano d’Arco a partire dal 2000, è una berlina a tre o cinque porte, con motorizzazione a benzina o a gasolio; il design è dell’italiano Walter de Silva e del tedesco Wolfgang Egger. Nel 2001 ha vinto il prestigioso premio di “Auto dell’Anno” da parte della stampa di settore.

 

1) SPIDER “DUETTO”

1967-Alfa-Romeo-Duetto-Red-Front-Angle-st

Chiudiamo questa classifica con una vettura che ha attraversato ben quattro decenni di storia dell’Alfa Romeo. La “Duetto” è stata prodotta in quattro serie diverse, tra il 1966 e il 1994, tutti a cura della Pininfarina. Il successo è stato immediato e planetario: a decretarlo fu anche il film “Il Laureato” di Mike Nichols (1967), in cui la Spider è guidata da Dustin Hoffman in alcune scene indimenticabili.

 

Pinterest

Passione moto: le dieci migliori occasioni del momento

Si sa, per molti di noi la motocicletta è un sogno, una passione, quasi una ragione di vita. L’adrenalina di sentire il vento addosso a tutta velocità a bordo di una splendida due ruote è difficilmente eguagliabile. D’altronde la nostra è una terra di motori, che ha dato i natali ad alcune delle case di motori più famose di sempre, orgoglio del Made In Italy in tutto il mondo.

Il vero appassionato di moto è sempre alla ricerca della sua prossima motocicletta: un occhio alle riviste e ai siti specializzati non si nega mai, tanto non costa nulla. E spesso la vera occasione è dietro l’angolo, in un settore dove l’usato tira ancora tantissimo.

E allora quale vetrina migliore di Kijiji? Nella sola sezione “Moto e scooter” ci sono più di 54.00 annunci: un vero record! E tra tutte queste occasioni si nascondono alcune perle davvero rare.

Abbiamo selezionato dieci delle migliori occasioni: ce n’è per tutti i gusti, dalle moto vintage a nuovissimi bolidi da corsa. Allacciate il casco e seguiteci!

 

1) HEADBANGER GYPSY SOUL

gipsy soul

 

Una bellissima moto, nuova fiammante: è la Gypsy Soul della Headbanger, una casa milanese nata nel 2010 con lo scopo di produrre motociclette custom ispirate alla grande tradizione americana. E questo esemplare si inscrive perfettamente in quel solco, grazie al look tipicamente yankee e alla meccanica. Un gioiello.

 

2) GILERA 124-5V

GILERA 124-5V

 

Fu la moto che aprì la strada al successo delle moto da cross e da enduro. Era,  ed è,  molto ambita dai collezionisti di moto: il grande Steve McQueen la considerava uno dei pezzi pregiati della sua sconfinata collezione. Il modello in vendita è stato recentemente restaurato ed è perciò in ottime condizioni: è sicuramente una delle moto più rare e preziose in vendita su Kijiji.

 

3) SUZUKI – SPECIAL DRAG

 

suzuki special drag

 

Forse è più da vetrina che da strada; fatto sta che questa moto è davvero stupefacente. È infatti un pezzo unico, realizzata a mano, e ha passato gli scorsi decenni in giro per fiere ed esposizioni. Chissà, forse il prossimo proprietario potresti essere proprio tu!

 

4) DUCATI 999 RS

 

DUCATI 999 RS

 

Per presentare questa moto è sufficiente dire che è la Ducati guidata da Ruben Xaus nel Mondiale Superbike 2007, con la quale vinse il Gran Premio di Valencia sotto le insegne del Team Sterilgarda di Marco Borciani. Un vero bolide da pista, di quelli che non capita tutti i giorni di poter toccare con mano.

 

5) MOTO GUZZI 2VT

 

MOTO GUZZI 2VT

Questa potente Moto Guzzi, con motore da 500cc, è del 1930 – già, avete letto bene. Completamente restaurata, è dotata di tutte le certificazioni e documenti che ne attestano la storicità. Una moto fantastica.

 

6) CR&S – DUU

 

CR&S – DUU

 

La Duu è uno dei due modelli dalla CR&S, azienda di Settimo Milanese fondata nel 2004 (l’altro modello è la Vun). Questa moto combina prestazioni, sviluppo tecnologico e una linea quasi futuristica.

 

7) YAMAHA TZ 750 D

 

YAMAHA TZ 750 D

 

Un altro esemplare che ha fatto la storia del motociclismo sportivo: questa moto velocissima era quella guidata negli anni ’70 da piloti del calibro di Giacomo Agostini, Kenny Roberts e Johnny Cecotto nel campionato di classe 750cc. Inutile dire che questo modello in vendita è totalmente originale, curato e ben funzionante.

 

8) INDIAN CHIEF

INDIAN CHIEF

 

Questa è una moto oggi forse un po’ dimenticata, ma che all’epoca fece la storia. È la grande Chief, prodotta dalla Indian Motorcyle Company fino al 1953. Un veicolo di grande interesse storico, per collezionisti e semplici appasionati.

 

9) DUCATI 750 SS

DUCATI 750 SS

È la volta di un’altra grande Ducati sportiva: è la 750 SS, uno dei modelli di punta della casa di Borgo Panigale negli anni ’70. Più rara e ricercata rispetto alla “cugina” 750 GT, era sostanzialmente la replica di una moto da corsa della Ducati, la 750 Sport su cui Paul Smart vinse la 200 Miglia di Imola nel 1972.

 

10) HARLEY DAVIDSON ELECTRA GLIDE SIDECAR

 

HARLEY DAVIDSON ELECTRA

 

Come nostra abitudine, ci piace terminare questo piccolo viaggio con qualcosa di speciale. Già, perchè questa Harley – uno splendido modello di Electra Glide del 1929, completamente restaurata – ha qualcosa che la rende speciale: ha un carrozzino che la trasforma in un fantastico sidecar.

 

 

 

 

Pinterest

Auto inglesi di ieri e oggi, un viaggio nel mito

Jaguar, Rolls Royce, Aston Martin…a leggere i nomi delle case automobilistiche inglesi viene un brivido. Le auto che provengono da oltremanica sono un sinonimo di stile, classe e velocità. Senza dover per forza scomodare i film di James Bond, è un dato di fatto che dal Regno Unito siano uscite automobili che hanno fatto la storia, oggetto del desiderio di tanti appassionati (o almeno di chi se le può permettere, dato che i prezzi di solito non sono tra i più abbordabili).

Non solo vintage: tutte queste case continuano a produrre macchine sempre più lussuose e veloci, al passo coi tempi e con la tecnologia di oggi e in grado di rubare la scena ai saloni dell’auto in giro per il mondo.

Per gli amanti delle macchine inglesi, su Kijiji c’è l’imbarazzo della scelta: a oggi sono tantissime le offerte di vetture – nuove o usate – appartenenti a questi marchi storici. E ce ne sono per tutti i gusti, dalle auto d’epoca a quelle nuovissime.

Diamo un’occhiata al meglio che c’è in giro, tra le auto inglesi di oggi e di ieri – in fondo, sognare è lecito, no?

 

1) ASTON MARTIN DB 2/4

aston martin DB

La D/B 2/4 è una vettura sportiva prodotta dalla casa di Gaydon dal 1953 al 1957. Popolarissima in quegli anni (e ancora oggi presso gli appasionati), è una coupé fantastica, in grado di raggiungere i 200 km/h, non poco per un’auto dell’epoca. È inoltre la vettura che compare spessissimo nel film Gli Uccelli di Alfred Hitchcock.

 

2) JAGUAR E-TYPE

jaguar E-Type

 

È una delle vetture che ha rivoluzionato il concetto di auto sportiva tra gli anni ’60 e ’70, tanto che nel 2004 la rivista americana Sports Cars International l’ha eletta Top Sport Car degli anni Sessanta. Esiste anche la versione da corsa di questa macchina, come questo splendido esemplare in vendita su Kijiji.

 

3) ROLLS ROYCE WRAITH

rolls royce wraith

 

 

Un salto nel tempo che può spaventare. Sì, perché questa auto è semplicemente la Rolls Royce più potente mai creata. Certo, il lusso, l’eleganza e la bellezza delle fatture a mano rimane, ma accompagnati da prestazioni mostruose (e il prezzo non è da meno).

 

4) TRIUMPH T3

Triumph T3

 

Una bellissima roadster costruita dalla Triumph, una casa da noi nota forse più per le moto che per le auto: questa è la T3, una vettura che ha fatto fortuna dentro e fuori il Regno Unito (oltre 10.000 esemplari venduti negli Stati Uniti). Una curiosità: fu la prima auto britannica a montare i freni a disco.

 

5) LOTUS EVORA

lotus evora

 

Una supercar che dà spettacolo, la Lotus Evora: prestazioni da sogno, linee morbide (telaio in alluminio) e interni elegantissimi. È sicuramente tra le vetture più riuscite mai prodotte dagli stabilimenti della casa di Hethel.

 

6) JAGUAR XK120

JAGUAR XK120

 

La Xk 120 è una vettura della Jaguar, in produzione solo dal 1948 al 1954, e oggi ambitissima dai collezionisti. Il “120” del nome si riferisce alla velocità massima (in miglia) che aveva il primo modello, circa 193 km/h, velocità che la rendeva la macchina più veloce dell’epoca.

 

7) BENTLEY CONTINENTAL

BENTLEY CONTINENTAL

 

Questa elegante vettura è parente stretta della Rolls Royce Corniche e fa parte della linea Continental, che al suo interno comprende diverse generazioni di auto di lusso made in UK. Ne esiste anche un modello cabrio, oggi piuttosto raro.

 

8) ASTON MARTIN VANQUISH – CENTENARY EDITION

ASTON MARTIN VANQUISH - CENTENARY EDITION

 

Una macchina pazzesca: questa è la Vanquish Coupé creata appositamente per il centenario della casa britannica (2013), in soli 100 esemplari. È solo l’ultima rappresentante di una linea Aston Martin, la Vanquish, che ha dato vita alle migliori auto sportive del XXI secolo.

 

9) LOTUS ELEVEN

LOTUS ELEVEN

 

 

È sicuramente uno dei pezzi più originali e pregiati della nostra collezione. Questa vettura è una vera e propria macchina da corsa, come si intuisce dalle linee avveniristiche, oggi come allora (è del 1956). Oggi è una vera rarità: di tutte le versioni della Eleven furono prodotti solo 270 esemplari totali.

 

10) ROLLS ROYCE PHANTOM II

ROLLS ROYCE PHANTOM II

 

E per finire, un classico senza tempo: la Phantom II è una delle Rolls Royce più iconiche, tanto da comparire in film come Il Grande dittatore, Agente 007 – Octopussy e Indiana Jones e l’ultima crociata. Nonostante la veneranda età (la produzione è cessata nel 1936), rimane una delle macchine inglesi più eleganti di sempre, un vero classico senza tempo.

 

Pinterest