Ti si è accesa una spia della macchina? Scopri il significato

Non è mai piacevole quando una spia ti si accende sul cruscotto della macchina.
Di solito questi imprevisti succedono quando meno te lo aspetti o in momenti poco opportuni. Molte persone non tengono in macchina il libretto con la spiegazione di cosa si dovrebbe fare in caso di accensione di una determinata spia della propria automobile.
Spesso i conducenti danno poca importanza ad una spia accesa, anche se non sanno il motivo per cui si è illuminata, mettendo a rischio in primis la sicurezza e l’affidabilità della propria vettura. Recarsi in un’officina per chiedere informazioni è la scelta più consigliata perché una persona competente con un’esperienza alle spalle può darvi una soluzione in breve tempo. In alcuni casi basta solo eseguire il rabbocco dell’olio o controllare il livello di qualche liquido.
Se andare dal meccanico non fosse possibile per questioni di tempo, oggi grazie agli smartphone e ad internet si possono reperire le giuste informazioni ed eseguire la corretta procedura per mettere i passeggeri e l’auto in sicurezza. Come?
Esistono molti siti dove reperire informazioni, uno dei più completi che spiega il significato delle spie della macchina più diffuse e importanti è sicuramente spiemacchina.it all’interno del quale è possibile trovare un’utilissima classificazione delle spie divise per colore (Rosse, Gialle, Verdi, Blu, Non luminose)
Segnaliamo anche la possibilità di stampare un PDF da tenere sempre in macchina, contenente una tabella con il simbolo della spia ed il nome corrispondente.
Ricordate sempre di non sottovalutare le spie per la sicurezza di tutti.

Pinterest

– Il ritorno del Subbuteo – di Luca Genzano

Il ritorno del Subbuteo.

Il ritorno del Subbuteo.

Subbuteo: ripercorriamo le tappe principali di una passione senza tempo

Quanti conoscono il Subbuteo e quanti sanno come si gioca a Subbuteo? Probabilmente tanti di voi. Senza dubbio il gioco del calcio da tavolo con il maggiore successo di sempre. La nascita del subbuteo risale agli anni 40 in un piccolo villaggio del Kent (Regno Unito) ma il gioco arrivò e si diffuse in italia solo negli anni 70 e venne prodotto fino al 2003 per poi ripresentarsi nel 2009 grazie alla Fabbri editori.
In rete è possibile trovare una miriade di siti a tema alcuni dei quali davvero di pregevole fattura: sicuramente una lettura a www.collectingsubbuteo.com potrà fornirvi un quadro dettagliato della storia del Subbuteo con uno sguardo attento agli oggetti rari da collezionare.
Dalla nascita sono stati davvero tanti i set, le squadre e gli accessori prodotti da Subbuteo. Praticamente di tutto: dagli accessori per costruirsi uno stadio completo con tanto di fari di illuminazione e spalti fino ad arrivare ai set per rendere il tutto quanto più reale possibile come la polizia a cavallo, i recinti anti invasione, i raccattapalle e tanto altro ancora. In effetti uno “stadio Subbuteo” è davvero di grande impatto anche se spesso a discapito della giocabilità a causa dell’altezza degli spalti.

Subbuteo vintage

I nostalgici del Subbuteo vintage rappresentano tutt’oggi una grossa fetta di appassionati di questo gioco. In realtà spesso con il termine “Subbuteo vintage” ci si riferisce alla produzione Subbuteo che parte dagli anni 50 fino agli anni 90. Le prime produzioni risalgono ai primi anni 50 periodo nel quale vennero prodotte le miniature “flat” piatte prima prodotte in cartoncino e successivamente in celluloide.
Queste figure non vennero mai commercializzate in Italia ed è possibile trovarle solo tramite circoli di collezionisti o su marketplace come eBay. Le flat vennero prodotte fino agli anni 60 per poi lasciare spazio alle figure tridimensionali tra le quali distinguiamo fondamentalmente le miniature in :HW (base con barretta) LW (base a tondino) ZOMBIE (le riconoscete per la postura da zombie del giocatore). Sul finire degli anni 60 la Waddington (azienda britannica di giocattoli) rilevò il marchio per poi venderlo successivamente alla Hasbro. Questa consegna segnerà la fine della favola Subbuteo.

Subbuteo la leggenda

La Fabbri nel 2009 ha pensato bene di riprodurre e commercializzare il Subbuteo attraverso il “Subbuteo La leggenda” una serie di uscite in edicola in accoppiata con la Gazzetta dello Sport con tantissime squadre da collezionare di diverse nazionalità. Nella prima serie del 2009 gli omini prodotti da Fabbri riprendevano le classiche miniature LW mentre nella successiva edizione del 2014 sono state riprodotto agli appassionati subbuteo le miniature HW. A voi la scelta.

Pinterest

Serenate e dediche al chiaro di luna

Un quartetto d'archi per serenate matrimoni e spettacoli

Un quartetto d’archi per serenate matrimoni e spettacoli

Torna di moda la serenata. Un ensemble d’archi, un duo chitarra e voce, un gruppo folk. Ad offrire questo servizio sono musicisti di vario genere: professionisti e dilettanti.

Cambiano i tempi, evolvono le mode, ma il vero romanticismo non muore mai. Su Kijiji.it tanti i cantanti, gruppi folkloristici e musicisti che forti di una tradizione secolare alle spalle e con l’aiuto della nostra piattaforma offrono il classico servizio di serenata prematrimoniale sotto il balcone dell’innamorata, intrattenimento ai matrimoni e servizi affini.

Un particolare primato per questo ritorno alle origini lo detiene la Sicilia, dove spopolano violoncellisti, violinisti, chitarristi e voci folk che hanno fatto della musica al chiaro di luna una missione a latere o un vero e proprio mestiere. Non sono però solo i futuri sposi a richiedere l’aiuto musicale, ma anche fidanzati abbandonati o semplici amanti del genere. A quanto ci raccontano, qualche utente decide anche di mettersi in gioco ed interpretare brani in prima persona, con il supporto dell’accompagnamento professionale.

Il Giornale di Sicilia e lasicilia.it hanno dedicato un approfondimento a questo tema, intervistando molti protagonisti e dedicandoci una menzione.

Vi presentiamo anche una selezione di progetti e artisti siciliani, riservandovi un grande in bocca al lupo sulle note delle più famose liriche locali.

http://www.kijiji.it/annunci/strumenti-musicali/catania-annunci-catania/gruppo-folk-siciliano-per-manifestazioni-varie/51690238

http://www.kijiji.it/annunci/musica-dj-band/catania-annunci-catania/musica-feste-di-compleanno-e-cerimonie-catania/82825830

http://www.kijiji.it/annunci/musica-dj-band/siracusa-annunci-siracusa/serenate/81418288

http://www.kijiji.it/annunci/altro-libri-film-e-musica/catania-annunci-catania/quartetto-d-archi-matrimonio-serenata-concerti/74323525

http://www.kijiji.it/annunci/altro-libri-film-e-musica/catania-annunci-catania/serenata-romantica/74983490

Pinterest

Donne e auto: la nuova ricerca di automobile.it

Infografica su donne e auto

Infografica su donne e auto

L’auto più guidata è la city car, possibilmente nuova, utilizzata sempre più per motivi di lavoro e professionali. Le italiane definiscono la Fiat una marca sociale e la Porsche la marca emozionale per eccellenza

Donne e auto: il nuovo sondaggio di www.automobile.it, realizzato in collaborazione con l’Istituto di Ricerca Gfk Eurisko su un campione di 250 donne del Bel Paese, indaga sui segmenti, i marchi, l’uso dell’automobile riferiti al target femminile.

Qual è la tipologia di auto posseduta dalle donne italiane?
Principalmente a livello nazionale vince su tutte la city car/utilitaria, semplice e maneggevole conquista il 49% delle quote rosa degli automobilisti, seguita dalla berlina con portellone con il 30%, anche se sono presenti alcune differenze a livello geografico. Al Nord Ovest infatti sono proprio le berline con portellone a essere le più utilizzate, così come la due volumi e mezzo è molto apprezzata dalle donne lavoratrici per la praticità, ma con costi e consumi contenuti.
Le signore inoltre, pratiche e razionali, sembrano puntare sull’affidabilità del proprio mezzo, il 65% infatti dichiara che l’auto che possiede e che guida abitualmente è stata acquistata nuova, con l’eccezione del sud e delle isole dove la maggioranza ha optato per una vettura usata (53%) nonché della fascia d’età 18-34, dotata sicuramente di un potere d’acquisto inferiore (60%).

Nella scelta finale dell’attuale vettura uno sguardo al portafoglio di questi tempi è lecito, ma anche l’occhio vuole la sua parte, è determinante infatti il prezzo per il 39% delle intervistate (con un picco del 60% al sud e nelle isole) e la linea, il design esterno e lo stile per il 21%. Seguono i consumi (13%) e le dimensioni (13%).

Ma per cosa usano l’auto le italiane? In questo si rivelano sempre più lavoratrici e divise tra la professione e le commissioni quotidiane, mentre dedicano sempre meno tempo al trasporto per motivi famigliari. Il luogo di lavoro è una meta abituale da raggiungere sulle quattro ruote tutti i giorni per ben il 44% del campione, con un picco del 60% per le 35-44 enni; così come il 42% la usa per fare commissioni e la spesa, il 42% per il tempo libero e solo il 22% per portare i bambini a scuola.

Nell’ampio ventaglio di case automobilistiche, le guidatrici hanno idee molto chiare anche nel definire i valori che ogni brand racconta e che possono influire sulla loro scelta.
La Fiat rappresenta la marca sociale per eccellenza, cioè più attenta ai consumi, alle emissioni e all’ambiente, praticamente per tutte (il 79%), seguita da Kia e Opel; anche se si analizzano le fasce di età i risultati cambiano e ad ogni segmento corrisponde una marca preferita.
Le giovani 18-34 enni scelgono la Fiat, le 35-44 enni la Kia, le 45-54 enni la Peugeot, le 55-64 l’Opel e le over 64 la Toyota, insomma un’automobile per ogni età.

L’automobile emozionale per antonomasia, simbolo di stile e design, è la Porsche che conquista l’85% del campione, distaccando Audi e Mercedes.

Per quanto riguarda le fonti di informazione che influenzano la scelta finale per un’autovettura la maggioranza del campione (60%) si fida del consiglio di amici e conoscenti, ma un’ampia fetta ricorre ancora alla tradizionale visita dal concessionario (41%). È anche la rete ad essere una risorsa sempre più preziosa per le automobiliste con un 19% che naviga su siti e testate specializzate.

“Il portale automobile.it è particolarmente attento alle donne e ai cambiamenti che stanno interessando il mondo dei motori. Sempre più mamme in carriera e professioniste, le italiane scelgono e utilizzano quotidianamente l’autovettura, lasciandosi guidare sia dal budget a disposizione sia dalla linea e il design” commenta Chiara Bonifazi PR Manager automobile.it, “per questo ogni anno analizziamo il mercato delle quote rosa e le loro esigenze e abbiamo lanciato anche per loro la nuova app per iPhone e iPad che informa, accompagna e indirizza la strada dei compratori e delle compratrici, verso il modello e il rivenditore in linea con le proprie aspettative e lo fa con funzionalità tradizionali associate ad altre innovative, come la possibilità di comporre una comoda checklist, con l’opzione di aggiungere note personalizzate. Le foto dei veicoli sono inoltre tutte in alta definizione e l’app possiede un vezzo per sole intenditrici: agitando il device si resettano i parametri di ricerca”.

Pinterest

Estate 2015: tutti pazzi per il SUP!

Online è SUP mania

Online è SUP mania

Lo stand Up Paddle meglio noto come il surf con la pagaia è uno dei fenomeni più in voga sulle spiagge italiane. E anche online dilaga la SUP mania!
Su Kijiji.it è boom di annunci relativi allo sport dell’estate! Una nuova inserzione ogni 3 giorni e un aumento nelle ricerche del 27% nell’ultimo mese e mezzo.

Lo Stand Up Paddle (meglio conosciuto come il surf in piedi con la pagaia) è uno dei leit motif che animano le coste italiane in questa estate 2015. La disciplina, diventata molto popolare negli anni 50 alle Hawaii e riconosciuta come vero e proprio sport solo una decina di anni fa, sta spopolando sulle spiagge italiane facendo quotidianamente incetta di nuovi adepti e anche online sta dilagando la SUP mania!
Su Kijiji.it crescono infatti giorno dopo giorno gli annunci relativi a tavole ed attrezzature per praticare questa variante del surf. Kijiji.it ha rilevato un incremento di quasi il 30% nel numero delle inserzioni nel corso dell’ultimo mese e mezzo (pari ad una nuova inserzione ogni 3 giorni) ed un importante aumento anche nelle ricerche e nelle interazioni (+39%) di utenti alla ricerca dell’occorrente per praticare questo sport.
Su Kijiji.it, si può infatti trovare tutto il necessario sia per coloro che vogliono avvicinarsi a questa disciplina cercando una tavola, spesso anche usata, che rappresenti un buon compromesso qualità/prezzo, sia per quanti già lo praticano e sono alla ricerca di attrezzature che non siano semplicemente un entry level.
Tra gli oltre 2000 annunci al momento live ci si può imbattere in tavole gonfiabili di ultima generazione, facilmente trasportabili (http://www.kijiji.it/annunci/attrezzature-sportive/torino-annunci-torino/tavola-sup-paddle-surf-10-4-dura-tec-pagaia-laccio/82450362), adatte a chi vuole iniziare a muovere i primi passi o a chi cerca conferme nella pratica, accanto ad altre ad esempio in legno e carbonio, più performanti ed adatte a chi cerca prestazioni di livello superiore (http://www.kijiji.it/annunci/altro-sport/roma-annunci-bracciano/sup-jp-14-carbon-flat-water-2014/79930604) .
Il prezzi? Si va dai 170 euro per una tavola usata “base” ai 1.100 euro per una in carbonio.
Ma su Kijiji.it si trovano non solo tavole: anche pagaie (http://www.kijiji.it/annunci/altro-sport/gorizia-annunci-ronchi-dei-legionari/pagaia-sup-full-carbon/82454095) per poter remare mentre si cavalca la tavola da seduti, in ginocchio o in piedi, leash per poter agganciarsi alla tavola e abbigliamento tecnico come boardshorts, mute, t-shirt in lycra o giubbotti salvagente.
Ora non vi resta altro che provare e divertirvi a ritmo di pagaia solcando le onde durante le vostre vacanze. Buon SUP a tutti!

Pinterest

Estate tempo di vacanza…ma anche di lavoro

Cosa si cerca e cosa si offre online sotto l’ombrellone?
In concomitanza con l’arrivo della stagione estiva, sul web crescono le opportunità di lavoro.
A rilevarlo Kijiji.it: 2.000 nuovi annunci di lavoro ogni giorno con un incremento nel numero di offerte del 19% negli ultimi 3 mesi.
Le regioni dove è più facile trovare lavoro? Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e le zone costiere. Le figure più ricercate in assoluto sono tecnici e ingegneri.
Crescono anche le richieste per cuochi e camerieri in relazione all’ inizio dell’attività turistica.
Lato domanda, la parola più ricercata in assoluto è “Badante”.
Nella top 10 degli annunci di lavoro più desiderati, il primato delle risposte ricevute spetta a ad un annuncio per operatore di call center a Cosenza che totalizza più di 21.000 visite con oltre 3.800 riposte inviate.

Estate tempo di vacanza….ma non solo! La stagione estiva infatti diventa un periodo con più tempo libero a disposizione che può essere sfruttato anche per cercare lavoro: sia per quanti vorrebbero trovare un’occupazione temporanea per arrotondare e finanziare le vacanze, come può essere per studenti e universitari, sia per chi cerca la sua prima occupazione o un lavoro più remunerativo o più stabile.
Kijiji.it, che conta una sezione appositamente dedicata al mondo del lavoro con più di 175.000 annunci, ha monitorato la situazione e ha rilevato che negli ultimi 3 mesi proprio quasi in concomitanza con l’arrivo della bella stagione, è cresciuta l’offerta di lavoro con un incremento del 19 % pari a 2000 nuovi annunci ogni giorno.
A livello territoriale il trend rilevato coinvolge in modo particolare le regioni del nord e le fasce costiere: una parte della richiesta riguarda anche lavori di tipo stagionale più comuni in zone turistiche marittime.
Le regioni nelle quali è più facile trovare lavoro sono Lombardia, Emilia Romagna e Piemonte, che vantano il maggior numero di annunci e richieste.
Analizzando invece le categorie di lavoro, le figure in assoluto più ricercate sono i tecnici e gli ingegneri, seguono commerciali e agenti poi operai e manodopera in genere. A fianco di queste figure, che rappresentano uno zoccolo duro dell’offerta, crescono anche le richieste di cuochi, baristi, parrucchieri, estetisti, infermieri, addetti alle pulizie, camerieri e badanti. Proprio “badante” è la parola più ricercata in assoluto con 63.000 ricerche giornaliere, seguita da pulizie (40.000) e cuoco (30.000).
Nelle località turistiche (mare/montagna) vanno invece per la maggiore gli addetti ai centri benessere, i camerieri e gli chef mentre in città prevalgono i merchandiser, hostess e promoter assieme agli addetti alle consegne.

La top 10 degli annunci più desiderati: Il call center vince sullo studio medico e sul negozio di abbigliamento.
Kijiji.it all’interno della rilevazione ha stilato la Top 10 dei 10 annunci più popolari sulla base delle risposte ricevute. Il risultato è abbastanza sorprendente: il Call center batte lo studio medico ed il negozio di abbigliamento in termini numerici assoluti. A posizionarsi in testa alle preferenze infatti è un annuncio per operatore di Call Center in provincia di Cosenza che totalizza oltre 21.000 visualizzazioni e 3.800 risposte. Nelle prime 10 posizioni si assiste ad un testa a testa tra le offerte per addetti alle vendite (4 annunci) e i servizi di segreteria (4 annunci).

Pinterest

Estate = mare = voglia di barca!

Barca in vendita su Kijiji.it

Barca in vendita su Kijiji.it

Con l’affermarsi della stagione estiva, crescono online le occasioni per quanti sono alla ricerca di un’imbarcazione per realizzare il proprio sogno di navigare.
Su Kijiji.it, in aumento le inserzioni e le ricerche relative a barche: + 12% negli ultimi 3 mesi (pari 1 nuovo annuncio pubblicato ogni 2 giorni) con 10.000 nuove ricerche ogni 24 ore.
Tanti i modelli presenti per tutti i gusti ed i bisogni.
E tra gli annunci pubblicati, Kijiji.it ha stilato la Top10 degli yatch più esclusivi da non perdere.

L’estate e le vacanze al mare sono spesso sinonimo di “barca”!
Per gli amanti del mare la vacanza in barca infatti può costituire la vera quintessenza dell’estate. E per tutti i lupi di mare alla ricerca di un natante per poter realizzare i propri sogni naviganti, il web ed i siti di annunci arrivano a supporto con un grande catalogo al quale poter rivolgersi con proposte sia nuove che usate.
Su Kijiji.it crescono le inserzioni dedicate a barche a vela e motoscafi: all’interno della categoria “Barche e Gommoni” che conta al momento oltre 15.000 annunci per lo più di privati, è stata registrata una crescita del 12% negli ultimi 3 mesi di annunci relativi ad imbarcazioni, pari ad un nuovo annuncio ogni 2 giorni.
Anche dal lato della domanda, le ricerche da parte degli utenti sembrano procedere a “gonfie vele”: 400 ricerche in tema ogni ora e oltre 1000 risposte inviate ogni giorno testimoniano come la voglia di barca sia una caratteristica comune a molti italiani.
Per quanto riguarda i modelli, c’è solo l’imbarazzo della scelta! Su Kijiji.it si possono trovare imbarcazioni di tutti i tipi e per tutti i gusti: piccole, medie, grandi, a vela o a motore, economiche o dispendiose, nuove o vintage, ecc. insomma chi più ne ha più ne metta.
E cercando tra i tantissimi annunci presenti ci si può imbattere in barche “da soognoo” (come direbbe un celebre imprenditore italiano) che possono davvero far perdere la testa a quanti, disponibilità economica permettendo, sono alla ricerca di qualcosa di veramente esclusivo: modelli da mille e una notte che superano in termini di esborso richiesto il milione di euro.
Ecco di seguito la top 10 degli yacht più esclusivi in vendita:

1) Overmarine Mangusta 92 – prezzo richiesto: 2.850.000 euro
http://www.kijiji.it/annunci/barche-e-gommoni/pistoia-annunci-pistoia/overmarine-mangusta-92/80901651
2) Ferretti Custom Line 26 – prezzo richiesto: 2.500.000 euro
http://www.kijiji.it/annunci/barche-e-gommoni/pistoia-annunci-pistoia/ferretti-custom-line-26/75495778#1
3) Yacht in fibra di carbonio – prezzo richiesto: 2.000.000 euro
http://www.kijiji.it/annunci/altre-attrezzature/massa-carrara-annunci-massa/yacht-da-50-nodi-nuovo/72328172
4) Leopard 27 – prezzo richiesto: 1.650.000 euro
http://www.kijiji.it/annunci/barche-e-gommoni/la-spezia-annunci-la-spezia/cantiere-navale-arno-leopard-27-2003/75428556
5) Benetti Sail Division 79 BSD – prezzo richiesto: 1.500.000 euro
http://www.kijiji.it/annunci/barche-e-gommoni/la-spezia-annunci-la-spezia/benetti-sail-division-79-bsd-2006/75212684
6) Tecnomar Velvet 90 – prezzo richiesto: 1.350.000 euro
http://www.kijiji.it/annunci/barche-e-gommoni/roma-annunci-roma/tecnomar-velvet-90-2007/79501931
7) Della Pieta 72 – prezzo richiesto: 1.100.000 euro
http://www.kijiji.it/annunci/barche-e-gommoni/pistoia-annunci-pistoia/dalla-pieta-72/72267597
8) Della Pieta 80 Hard Top – prezzo richiesto: 1.100.000 euro
http://www.kijiji.it/annunci/barche-e-gommoni/la-spezia-annunci-la-spezia/dalla-pieta-80-hard-top-2004/66092808
9) Heaven 80 – prezzo richiesto: 950.000 euro
http://www.kijiji.it/annunci/barche-e-gommoni/pistoia-annunci-pistoia/heaven-heaven-80/54587984
10) Sunseeker 72 predator – prezzo richiesto: 940.000 euro
http://www.kijiji.it/annunci/barche-e-gommoni/lucca-annunci-viareggio/sunseeker-72-predator-2007/75992027

Buona navigazione a tutti.

Pinterest

Automobile.it: l’app per chi cerca un’auto nuova o usata

App di automobile.it

App di automobile.it

Con automobile.it cambia l’esperienza di acquisto di un’auto da iPhone e iPad

Orientarsi nel rutilante mondo dei motori non è semplice e tutti, prima o poi nella vita, ci siamo trovati a cercare un’auto nuova o usata da acquistare o semplicemente a consigliarla a qualcuno. Sono già presenti sul mercato app di marketplace verticali, altre che fanno comparazione di prezzi, altre che aggregano annunci di settore e quant’altro, ma spesso l’esperienza dell’utente finale è quella di essere subissato di informazioni, senza riuscire a farsi un’idea chiara di quale auto sia la migliore e dove convenga comprarla.

Con la sua nuova app per iPhone e iPad, automobile.it fa un sorpasso: informa, accompagna e indirizza la strada dei compratori verso il modello e il rivenditore in linea con le proprie aspettative e lo fa con funzionalità tradizionali associate ad altre innovative.

Cominciamo ad osservare quello che mancava e che con automobile.it adesso c’è. Innazitutto è possibile comporre una comoda checklist di tutto quello che va verificato prima di acquistare un’auto usata, con la possibilità di aggiungere note personalizzate. Le foto dei veicoli sono tutte in alta definizione per essere ingrandite a piacimento e osservare ogni minimo dettaglio. Per qualsiasi problema sarà possibile contattare direttamente il servizio di supporto dell’app via chat. Un vezzo per soli intenditori: agitando il device i parametri di ricerca verranno resettati.

Queste le principali caratteristiche della nuova applicazione, nata dal concentrato di esperienza del portale www.automobile.it:
• Opzioni di ricerca impostabili per i parametri più svariati, incluso il colore.
• Dati, foto e caratteristiche del veicolo in un’unica e comoda schermata riassuntiva.
• Possibilità di “parcheggiare” un veicolo ritenuto interessante e poterlo richiamare in qualunque momento, anche dal concessionario.
• Possibilità di salvare le ricerche con il numero di risultati corrispondenti che si aggiorna in automatico ad ogni riavvio dell’app.
• Sincronizzazione di tutte le ricerche salvate e i veicoli parcheggiati con gli altri dispositivi ed il sito web (omnichannel).
• Geolocalizzazione del veicolo con le indicazioni per raggiungere il venditore.
• Visualizzazione di tutti gli annunci di un concessionario in un’unica pagina.
• Foto visualizzabili in modalità anteprima, galleria e a schermo intero.
• Contatto diretto con il venditore.
Se fino ad oggi trovare l’auto dei sogni in modo comodo e veloce era un miraggio, ora è possibile grazie alla nuova app di automobile.it.

Pinterest

Enpa: chi abbandona si abbandona

Chi abbandona si abbadona - Enpa

Chi abbandona si abbadona – Enpa

Il 4 e 5 luglio la terza edizione delle giornate Enpa contro l’abbandono degli animali.

“Chi abbandona si abbandona” è il claim della campagna estiva di Enpa contro l’abbandono di animali, che fa da cornice alla terza edizione delle giornate anti-abbandono sabato 4 e domenica 5 luglio. In tale occasione i volontari dell’Ente Nazionale Protezione Animali, oltre a informare e a sensibilizzare sul tema, distribuiranno un “kit per i viaggiatori bestiali”, reso disponibile grazie alla collaudata partnership tra Enpa e Record, un marchio specializzato nella realizzazione di prodotti per piccoli animali.

Un evento, quello delle giornate anti-abbandono, che per l’Ente Nazionale Protezione Animali sta diventando un vero e proprio appuntamento fisso. «Da Nord a Sud, isole comprese – spiega Marco Bravi, responsabile comunicazione e sviluppo iniziative e presidente del Consiglio Nazionale Enpa – sono un centinaio i banchetti che le Sezioni locali allestiranno sabato 4 e domenica 5 luglio per dire no all’abbandono di animali; un fenomeno che, nonostante i progressi compiuti negli ultimi anni, anche grazie alle nostre campagne di sensibilizzazione e alla crescita del numero di strutture “animal friendly”, continua a rappresentare per il nostro Paese una piaga inaccettabile».

Dati ufficiali che descrivano tale fenomeno nella sua complessità e interezza non sono disponibili né potrebbero esserlo considerando che di molti animali, dopo l’abbandono, si perde ogni traccia. Esistono, tuttavia, alcuni indicatori che permettono quanto meno di inquadrarlo a grandi linee, sia pure con una notevole approssimazione per difetto. Ad esempio, il Ministero della Salute nel 2012, con l’allora Sottosegretario Cardinale, aveva stimato la presenza sul nostro territorio di una popolazione di randagi compresa tra 500mila e 700mila esemplari, mentre i dati relativi agli ingressi nei canili sanitari (la prima struttura cui viene affidato un cane abbandonato) “parlano” per il 2012 di oltre 104mila abbandoni (Ministero della Salute). Sempre in tema di indicatori, ci sono anche le rilevazioni che l’Enpa conduce presso le proprie strutture, da cui emerge per l’ultimo triennio una flessione degli ingressi canini nell’ordine del 15%. Ma, purtroppo, sono in sensibile aumento gli abbandoni di altri tipi di animali domestici, in primis i gatti, ma anche conigli, cavie fino addirittura ad animali esotici. E’ dunque importante continuare a mantenere costante il livello di attenzione e di allerta.

«Il fine settimana del 4 e 5 luglio – conclude Bravi – è dunque l’occasione giusta per sottolineare che l’abbandono non soltanto è indicativo della crudeltà umana sugli animali e rappresenta una dimostrazione di inciviltà ma, lo ricordo, un reato punito con l’arresto fino ad un anno e un’ammenda da mille a diecimila euro».

Per il dettaglio delle Sezioni Enpa che aderiscono alla manifestazione è possibile visitare il seguente link http://comunicazionesviluppoenpa.org/component/content/article/550.html al sito www.comunicazionesviluppoenpa.org.

Pinterest

Apple Watch tra poche ore in Italia

Apple Watch

Apple Watch in vendita su Kijiji.it

Apple Watch il 26 giugno debutta ufficialmente nel nostro Paese

L’attesa per il rilascio del nuovo prodotto di punta dell’azienda di Cupertino è ormai finita. Sta per sbarcare in Italia lo smartwatch Apple.

Su Kijiji.it erano già tanti i cosiddetti “early adopters” che fiutando l’affare avevano acquistato l’Apple Watch all’estero per rivenderlo ai fanatici tricolore a prezzi a volte concorrenziali e a volte meno.

Non sono mancate già agli albori le critiche dei detrattori che ne preannunciavano il flop inevitabile, dettato dai costi non alla portata di tutti e dalla presunta futilità rispetto ai reali bisogni degli utilizzatori finali. La verità però è che le aspettative sono alle stelle e le vendite nei Paesi in cui il dispositivo ha già debuttato non hanno affatto deluso.

Da sempre Apple ci ha abituati ad appaiare funzionalità e design con aspetti emozionali legati al brand, al luxury e al fashion. Il nuovo smartwatch non fa eccezione, presentandosi con varietà di colori, materiali e fogge che vanno dalla cassa in oro 18 carati e il cinturino in pelle per i più esosi, fino ai modelli base che comunque si attestano intorno ai 400 euro.

L’orologio promette di avvisare con un delicato tocco, differenziato a seconda del tipo di evento, dell’arrivo di svariati tipi di notifiche come appuntamenti, email, messaggi e quant’altro avvenga su smartphone e tablet sincronizzati. Non è finita qui. Per gli oltranzisti del fitness ci sarà un cardio-frequenzimetro che controllerà l’attività cardiaca oltre al più classico contapassi ed utili tool per mantenersi in salute in senso lato. Per i meno conservatori in tema di privacy, le informazioni più rilevanti potranno essere condivise con i contatti prescelti e basterà dare una voce a Siri, per attivare la già nota e fedele assistente vocale di Apple.

Troppo connessi, troppo tecnologici, troppo omnichannel sentenziano in molti, ci aspettiamo comunque che gli smartwatch portino nel lungo termine ad un nuovo e significativo progresso nei nostri già avanzatissimi modelli di vita.

Pinterest